L'ATTRICE



documentazione stampabile | rassegna stampa


Fare l'attore oggi? Un mestiere sempre più difficile, dove i sogni, le illusioni e le aspettative s'infrangono miseramente in una realtà sempre meno attenta al mondo dell'arte. Mi sono divertita a scrivere, ispirandomi ad un pezzo di Aldo Nicolaj, un monologo brillante che ironizza sulle vicissitudini quotidiane e i vizi di Anastasia Goffredini, stereotipo della grande attrice "impegnata" ma sempre alla ricerca di un ingaggio per sbarcare il lunario.

Federica Bisegna

Federica Bisegna interpreta Anastasia Goffredini, questo il nome del personaggio (un'attrice disoccupata sempre alla ricerca di un ingaggio). Nello spettacolo ho cercato di assecondare la carica prorompente di Federica, sfruttando le sue doti migliori: la capacità d'interazione col pubblico e la prova d'attrice. L'ho voluta anche fregoliana, con fughe dietro un separè per poi ritornare con un altro costume, un'altra lingua, trasformandosi e passando in rassegna tutta la gamma vocale di cui è capace, la quale culmina nella canzone di Polly dall'Opera da tre soldi di Brecht (Barbara's Song), accompagnata al sax da Graziano Raniolo. Uno spettacolo che vuole essere un resoconto divertito e disincantato del mestiere dell'attore, in un continuo prendersi in giro dicendo, nel contempo, verità scottanti. Una scrittura felice, quella della Bisegna, che riesce a far sorridere addentrandosi anche nell'attualità, senza mai cadere nello scontato.

Vittorio Bonaccorso