CHI E' DI CENA



documentazione stampabile


Esperimento di teatro a tavola
testi di AA.VV.

Lo spettacolo vede come insoliti palcoscenici una serie di tavole imbandite e come insoliti teatri un ristorante, una villa, un giardino o cortile, dove avranno luogo le cene.
La struttura della pièce è sorretta da quattro monologhi brillanti di autori vari della durata di dieci minuti circa ciascuno. I pezzi sono interpretati contemporaneamente da quattro attori i quali si siedono di volta in volta ad un tavolo diverso, fino a coprire l'intero numero di gruppi di commensali (in ogni caso la durata dello spettacolo non va oltre i 45 minuti o poco più a seconda del numero di persone). Il tutto si svolge in quel lasso di tempo che intercorre tra l'ordinazione e la degustazione delle pietanze, in modo da non disturbare l'ascolto e la fruizione della trama dei racconti.

Vittorio Bonaccorso